Feel Safe: Prevenzione Educazione e Terapia dei Minori

 

09 gennaio 2017

Nuovi strumenti per le psicodiagnosi del trauma in eta’ evolutiva ” Le Checklist “

portfolio-slides-3

 

 

La psicodiagnosi dei bambini vittime di Esperienze  Avverse Infantili (A.C.E.), richiede una struttura metodologica che consenta di fornire un quadro del funzionamento psicologico complessivo specifico. Deve cioè, riuscire ad evidenziare i vari livelli di profondità degli assetti psicologici, dal piano dei comportamenti e adattamenti a quello dei vissuti più profondi e dei modelli operativi interni, e deve tener conto in modo mirato delle caratteristiche del funzionamento post traumatico.

Il Seminario si soffermerà sulla presentazione degli strumenti che favoriscono l’esplorazione dell’asse del comportamento manifesto, ovvero esternalizzato (osservabile anche dal caregiver). Verranno infatti presentate le checklist che permettono di rilevare proprio questi ultimi aspetti. Nello specifico, l’assessment, inizia con l’utilizzo di strumenti definiti a “basso impatto”, che verificano la tenuta delle capacità cognitive e adattive del soggetto (CBCL, YSR). Si procede poi con strumenti a “medio impatto” che presentano una maggiore sspecificità per la rilevazione di marker di funzionamento post traumatico (TSCC, TSCYC, PSI); in particolare verrà approfondito l’utilizzo della TSCYC recentemente standardizzata per il campione italiano[1] e la sua peculiare valenza in termini di diagnosi differenziale, anche nell’ottica del DSM-5.

Infine, si farà anche riferimento agli strumenti ad “alto impatto”, che garantiscono una lettura più approfondita e specifica degli marker P-T (C.S.B.I., A-DES).

 

(1) TRAUMA SYMPTOM CHECKLIST for YOUNG CHILDRENdi J. Briere (2005) adattamento italiano 2015 di C. Pessina, S. Agosti, ML. Benincasa, D. D’Elia, G. Noto, G. Roccaforte, A.M. Scapicchio, U.C. Seassaro e C. Somigli. Hogrefeed., Firenze

 

PROGRAMMA:

Sabato 25Febbraio ore 9,30-18,30:

  • Valutare i funzionamenti post-traumatici in età evolutiva: principi teorici e strumenti clinici
  • Strumenti diagnostici a “basso impatto”: Child BehaviorChecklist 6-18 (CBCL); Youth Self Report for ages 11-18 (YSR);
  • Strumenti diagnostici a “medio impatto: Trauma Symptom Checklist for Children (TSCYC) e Trauma SymptomChecklist for Young Children (TSCC): peculiarità del campione italiano ed elementiper la diagnosi differenziale del “Disturbo Traumatico dello Sviluppo” nell’ottica del DSM-5;
  • Strumenti diagnostici a “medio impatto, il punto di vista dei caregiver: il Parenting Stress Index (PSI);
  • Esercitazione di gruppo: somministrazione, scoring, interpretazione delle checklist presentate ed esemplificazione cliniche

Domenica 26 Febbario ore 9.00-17.00

  • Strumenti diagnostici ad “alto impatto”: Child SexualBehavior Inventory (CSBI); Dissociative Experience Scale – versione Adolescenti (A-DES);
  • Esercitazione di gruppo: somministrazione, scoring, interpretazione delle checklist presentate ed esemplificazione cliniche;
  • L’utilizzo dei risultati emersi dalle checklist nella relazione clinica: il ragionamento psicodiagnostico.

DOCENTI:

Scapicchio Annamaria:   Psicologa, psicoterapeuta e EMDR Supervisor. Si occupa da circa venti anni di diagnosi e trattamento di bambini e bambine vittime di trauma da abuso sessuale e maltrattamento. Coordina il servizio per il contrasto all’abuso sessuale e al maltrattamento del Consultorio Familiare dell’Istituto G. Toniolo di Napoli. A fianco dell’attività clinica svolge attività di formazione e supervisione.

D’Elia Daniela:    Psicologa, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale e EMDR practitioner. Si occupa di diagnosi e trattamento del Disturbo Traumatico dello Sviluppo. Collabora con il servizio per il contrasto all’abuso sessuale e al maltrattamento del Consultorio Familiare dell’Istituto G. Toniolo di Napoli.

 

 

ACQUISTA